visit this site right here wap tamil
Lime Torrent
torrents tracker

“Unidos por Moçambique: aiutiamoli a ricominciare”

Unidos post

L’ASSOCIAZIONE BASILICATA-MOZAMBICO ONLUS LANCIA “UNIDOS POR MOÇAMBIQUE: AIUTIAMOLI A RICOMINCIARE” UNA RACCOLTA FONDI PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAL CICLONE IDAI.

È emergenza umanitaria in Mozambico (Africa australe) dove si è abbattuto il Ciclone IDAI. Quasi 1000 le vittime (bilancio provvisorio), 1 milione e mezzo gli sfollati,si corre contro il tempo per arginare le epidemie di malaria, colera e tifo.

Il 14 marzo 2019 IDAI, un ciclone tropicale di rara potenza, si è abbattuto sulle aree centrali del Mozambico, raggiungendo anche Zimbabwe e Malawi e causando quella che è stata definita la peggiore calamità degli ultimi 20 anni in Africa e il più grave disastro ambientale dovuto ai cambiamenti climatici fino ad oggi.
Le regioni centrali di Sofala, Manica e Tete sono state le più colpite: aree remote e poverissime, dove si stimano i danni maggiori. La città costiera di Beira, diventata simbolo di questa tragedia, è stata quasi completamente rasa al suolo. Attualmente è raggiungibile solo via nave o via aereo a causa dell’interruzione della viabilità stradale; interi villaggi delle aree interne, come Dondo, Lamego, Sussundenga, Nhamatanda, sono stati spazzati via dalle inondazioni e risultano isolati, privi di acqua potabile ed elettricità, a causa dei danni alle reti di distribuzione. Per giorni i sopravvissuti hanno trovato rifugio sui tetti o sugli alberi, senza cibo né acqua potabile, affrontando disagi e pericoli.
Le morti accertate quasi mille, sicuramente molti più, anche se sarà difficile quantificarle con esattezza poiché in Mozambico gran parte della popolazione vive ancora in insediamenti informali privi di registri anagrafici.
Si stimano 1 milione e mezzo di sfollati che hanno perso praticamente tutto, casa e i pochi beni che avevano a disposizione. Secondo l’Unicef sono circa 3 milioni le persone che necessitano di assistenza umanitaria immediata, molti di essi sono bambini.
I soccorsi sono arrivati con estremo ritardo e difficilmente raggiungeranno le aree più interne dove si registrano le criticità maggiori. L’esponenziale innalzamento dei prezzi rende inaccessibili i beni di prima necessità e i medicinali. In alcune aree i rifornimenti di beni di prima necessità non sono ancora ripartiti.
A questo quadro drammatico si aggiunge il pericolo di vaste epidemie di tifo, colera e malaria. L’epidemia di colera è stata ufficialmente dichiarata aperta e sono quasi 1500 i casi già accertati. L’emergenza post ciclone sta assumendo dimensioni catastrofiche.
L’associazione Basilicata-Mozambico onlus, con sede a Matera e attiva da oltre 10 anni con progetti umanitari in Mozambico, lancia l’iniziativa “Unidos por Moçambique: aiutiamoli a ricominciare”, una raccolta fondi destinata ad alcune famiglie tra le più bisognose che vivono nelle aree colpite. “La nostra è una piccola associazione che non ha la capacità di intercettare grandi donazioni e in questi casi si ha sempre la sensazione di fare troppo poco, ma se ognuno di noi fa quel poco che può, riusciremo nel concreto ad alleviare le immani sofferenze della popolazione ed accendere una speranza per il futuro”, dichiara Roberto Galante, project manager dell’associazione rientrato in questi giorni da Maputo (capitale del Mozambico). Don Angelo Tataranni, presidente dell’associazione e parroco di San Rocco, dove ha sede l’associazione stessa, esorta “Una tragedia dimenticata dai media che può trasformarsi in catastrofe, occorre fare qualcosa, nel nostro piccolo ognuno di noi può dare il suo contributo. Pochi euro possono contribuire a salvare delle vite e donare speranza, non c’è altro tempo da perdere. Con i fondi raccolti “adotteremo” alcune famiglie, affinché possano ricostruire, oltre il dolore e le sofferenze, una propria vita. Non possiamo sottrarci a questo dovere morale”.
L’obiettivo è agire con donazioni dirette attraverso la rete di contatti locali che l’associazione Basilicata-Mozambico ha costruito in questi anni nel Paese africano. Le donazioni saranno destinate alle priorità del momento: derrate alimentari di prima necessità, potabilizzatori d’acqua, medicinali, dosi vaccinali… quindi con aiuti diretti ad alcune famiglie affinché possano ricostruirsi un’abitazione e una vita.

È possibile aderire alla raccolta fondi direttamente da questo sito web cliccando sul bottone “DONA PER LE VITTIME DEL CICLONE”, oppure tramite bonifico:
Associazione Basilicata Mozambico Onlus – Matera
Codice Fiscale: 93033590774
IBAN cc postale: IT88 U076 0116 1000 0004 8056 733
IBAN cc bancario Banca Prossima Spa: IT80 A033 5901 6001 0000 0008 814
Causale: “Aiutiamoli a ricominciare”

Per informazioni:
Associazione Basilicata-Mozambico onlus
Roberto Galante: 3335468387
Lucrezia Didio: 3343218994

merlin_152285682_a3cc76d6-efbf-4cfc-883b-28ba41fc8835-superJumbo

One comment on ““Unidos por Moçambique: aiutiamoli a ricominciare”

  1. Apesar de aliancas que datam da luta de independencia continuem a ser relevantes, a politica externa de Mocambique tornou-se cada vez mais pragmatica ao longo do tempo. Os dois pilares da politica externa mocambicana sao a manutencao de boas relacoes com seus vizinhos e de manutencao e expansao de lacos com os parceiros de desenvolvimento. Durante os anos 1970 e inicio dos anos 1980, a politica externa do pais era indissoluvelmente ligada a Rodesia e Africa do Sul, bem como pela concorrencia das superpotencias da Guerra Fria, Estados Unidos e Uniao Sovietica. A decisao de Mocambique de impor sancoes na Organizacao das Nacoes Unidas (ONU) contra a Rodesia e negar a esse pais o acesso ao mar, fez o governo liderado por Ian Smith realizar acoes ostensivas e secretas contra os mocambicanos. Embora a mudanca de governo no Zimbabue, em 1980, tenha removido esta ameaca, o governo da Africa do Sul continuou a apoiar a RENAMO em sua guerra com o governo da FRELIMO .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *